10 Macchine dei Calciatori Prima e Dopo essere Diventati Famosi

Link sponsorizzati

I calciatori, si sa, sono strapagati. I top player riescono a guadagnare decine di milioni di euro l’anno, quelli di fascia media se ne portano a casa almeno un paio. Ma cosa fanno con tutti questi soldi? Alcuni, i piú avveduti, li investono: case, ristoranti, hotel, terreni, altri invece li spendono nei piú svariati modi. Se siete ragazzi, con un’età compresa tra 20 e 25 anni e avete tanti quattrini a vostra disposizione quale è il primo sfizio che vorreste togliervi?

L’automobile, è chiaro. Con lo stipendio di un mese si potrebbero comprare auto da almeno 100mila euro, mentre noi comuni mortali ci dobbiamo accontentare di macchine da 10mila.

La cosa curiosa è notare che auto avevano prima di diventare famosi. Ci hanno pensato sul web, realizzando questo video molto carino. Si scopre così che Wayne Rooney, centrocampista inglese del Manchester United, è passato da una vecchia e scassata Ford Ka degli anni 90 ad una BMW i8 del costo di 150.000 euro.


Non tutti però hanno iniziato la “scalata” passando da auto economiche a quelle di lusso. Cristiano Ronaldo del Real Madrid ha sempre avuto ingaggi consistenti fin da quando era maggiorenne. A 18 anni infatti militava già nella massima serie del campionato portoghese, con lo Sporting Lisbona. Il suo parco auto è composto, tra le altre, da una Lamborghini Aventador da 400mila euro e da una Bugatti.

Robert Lewandowski attaccante polacco del Bayern Monaco si fa vedere a bordo della sua Mercedes CL 63 (5500 di cilindrata per 180.000 euro di prezzo) e della propria Ferrari F12 da 740 cavalli per 280.000 euro. Tanti in Germania non ci sono limiti di velocità (in alcuni punti).

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>