Accatastamento case fantasma ed immobili abusivi proroga al 30 aprile 2011

Link sponsorizzati

E’ stata prorogata al 30 aprile 2011 la scadenza per l’accatastamento delle cosiddette case fantasma e degli immobili abusivi. L’ufficialità è arrivata questa mattina con la fiducia approvata al Senato nell’ ambito del maxiemendamento “milleproroghe”. La scadenza era inizialmente prevista per il 31 dicembre 2010, successivamente spostata al 28 febbraio è ora ufficialmente rinviata al 30 aprile. Si tratta di una “sanatoria catastale” che non sana in ogni caso un abuso edilizio che, ove previsto, è soggetto a demolizione.
Nell’ ambito dello stesso decreto vengono però sospese le demolizioni abusive in Campania per tutto il 2011. Si deve trattare di abitazione principale, la sospensione non è valida se il manufatto mette a rischio la pubblica incolumità.
Il proprietario di un immobile o porzione di esso non presente al catasto, anche e soprattutto se abusivo, deve “accatastarlo” presso il proprio comune. Solitamente la pratica si effettua velocemente tramite professionisti (geometri) che fanno delle rilevazioni presso il manufatto e presentano la variazione della particella catastale tramite nuove piantine. L’intenzione del governo è quella di far emergere immobili non censiti al catasto ai fini fiscali per il pagamento dell’ Ici o per il redditometro. Si tratta al momento di “sanatoria catastale” che non sana un abuso, ma la speranza di molti è che l’iniziativa possa rappresentare una pregiudiziale per un futuro e definitivo condono.
In caso di mancata iscrizione al registro catastale entro la nuova data l’Agenzia del territorio procederà a calcolare una rendita presunta sulla base dei dati disponibili dei comuni ed applicherà la sanzione amministrativa. In questo caso le rendite catastali inizieranno a decorrere dal primo gennaio 2007, a meno che l’utente non dimostri una diversa decorrenza in caso il manufatto fosse stato costruito successivamente.

Se ti piace Condividi...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter