Come si sceglie un conto deposito

Link sponsorizzati

Il conto deposito è un prodotto finanziario che nasce con l’obiettivo di assecondare le necessità di investimento di coloro che vogliono vedere aumentare una parte del proprio capitale senza rischiare troppo. Facile da aprire e ancora più semplice da gestire, prevede costi nulli o comunque molto contenuti, ed è garantito alla pari di un conto corrente: in linea di massima, è consigliato a chi non ha le competenze o il tempo di seguire in modo approfondito i propri investimenti. L’investitore, infatti, non deve preoccuparsi di nulla: una volta che il denaro è stato versato in banca, resta in custodia fino al momento della scadenza del vincolo.

Come si sceglie un conto deposito

Conto Esagon rappresenta un’ottima soluzione per aprire un conto deposito online, ma può essere utile sapere quali sono gli accorgimenti da tenere a mente per la scelta di un prodotto in linea con le proprie necessità e le proprie preferenze. Per capirlo, si deve pensare a quanti soldi si è disposti e interessati a investire e a quanto tempo si può aspettare prima diritirare il denaro depositato. Come noto, infatti, i conti deposito si distinguono tra quelli vincolati e quelli liberi: i primi garantiscono un interesse più elevato, ma impongono che le somme possano essere ritirate solo dopo un certo periodo di tempo; i secondi, invece, permettono di rientrare in possesso del proprio denaro in qualsiasi momento.

Come valutare il rendimento di un conto deposito

Sarebbe fuorviante pensare che il conto deposito più conveniente sia sempre quello che offre il tasso di interesse più elevato: un fattore che deve essere preso in considerazione, infatti, è quello dei costi. E se è vero che nella maggior parte dei casi non sono previste spese per l’apertura e per la chiusura del conto, è altrettanto vero che possono entrare in gioco le tasse, tra cui il bollo. Per i conti deposito, infatti, è previsto il pagamento di un bollo che corrisponde allo 0.2% annuo sulla somma che è stata investita. In alcuni casi è l’istituto di credito presso il quale il conto è stato aperto che assume su di sé l’onere del pagamento del bollo, ma non è detto che ciò avvenga sempre.

Link sponsorizzati

Per valutare le caratteristiche, i pregi e i difetti delle varie proposte a disposizione sul mercato ci si può affidare al web, nel senso che i siti Internet delle banche offrono tutte le informazioni relative ai propri conti deposito. Chi lo desidera può addirittura decidere di aprirne uno sfruttando le procedure online, inserendo i propri dati nel modulo apposito, da firmare e inviare all’indirizzo segnalato. Chi fosse interessato a seguire questa procedura deve sempre tenere a portata di mano un documento di identità.

Se ci si rende conto che la soluzione scelta non sta garantendo i risultati auspicati, il conto deposito può essere chiuso in qualsiasi momento, a meno che non si abbia a che fare con un conto vincolato: in tale circostanza non si può fare altro che attendere la scadenza del vincolo.

 

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>