I Rischi delle Obbligazioni Quali sono e Come eliminarli

Link sponsorizzati

Le obbligazioni sono considerate un investimento a basso rischio. A meno che non investiate in società o paesi che rischiano il default, il fallimento, il rimborso con una minima percentuale di interesse è garantita. In tempi i cui i conti correnti hanno tassi pari quasi allo zero, per coloro che non hanno voglia di rischiare, possono essere prese in considerazione.

Non sono però esenti da rischi. Seppur minimi ci sono, dipende dal tipo di obbligazione, bond, che stiamo acquistando. E’ chiaro che un BOT italiano a 6 mesi ha rischio pari a zero, ma anche il rendimento è pari a zero. Diversa la percezione di pericolo se ad esempio acquistiamo un bond di uno stato sudamericano o africano. Cerchiamo di saperne di piú.

Rischi di un BOND

  • Fallimento della società che le emette, default di uno Stato sovrano
  • Rischio del cambio della valuta
  • reinvestimento delle cedole
  • liquidità
  • Prezzo
  • rischi politici
  • Inflazione

Default

Vi ricordate i casi di Parmalat, Cirio, Lehman Brothers. Sono tutte società che sono fallite e che hanno rimborsato, in alcuni casi, solo una minima percentuale delle obbligazioni e dopo varie cause. Al pari i bond argentini, delle Grecia e dell’ Ucraina.

acquisto obbligazioni

La valuta

se acquistate un’obbligazione in dollari che scade tra 5 anni siete sottoposti anche all’oscillazione del valore di quella valuta. Se la valuta estera si rivaluta e quindi aumenta di valore nei confronti dell’Euro, il controvalore dell’obbligazione aumenterà; al contrario, invece, se la valuta estera si deprezza rispetto all’Euro, si subirà una perdita in termini di controvalore del prestito obbligazionario.

Le cedole

se l’obbligazione è “zero coupon” significa che non da’ cedole durante l’anno, ma al termine della sua scadenza vi restituisce il 100% del valore dopo che voi all’ inizio la comprate a “sconto”. Altrimenti la cedola potrebbe rappresentare il vero e proprio interesse annuale che vi mettete in tasca

Liquidità

Il rischio liquidità si configura quando l’obbligazione è poco scambiata. La liquidità rappresenta la facilità con cui è possibile negoziare in qualsiasi momento una determinata obbligazione. In pratica rischiate di aver voglia di vendere quell’ obbligazione in un determinato periodo, ma nessuno la compra perchè “poco scambiata”.

Link sponsorizzati

Rischio prezzo

Il rischio prezzo consiste nel pericolo che i prezzi delle obbligazioni scendano come conseguenza del movimento dei tassi di interesse. C’è infatti un collegamento diretto tra l’andamento dei tassi di interesse e il prezzo delle obbligazioni. Entrando nello specifico, quando i tassi di interesse aumentano, di conseguenza diminuisce il prezzo di un’obbligazione. Al contrario, invece, quando i tassi di interesse diminuiscono, aumenta il prezzo di un’obbligazione.

Non tutte i tipi di obbligazioni si comportano allo stesso modo di fronte alla variazione dei tassi di interesse:

  • Tasso fisso. Tipologia di obbligazioni sensibile alla variazione dei tassi di interesse.
  • Zero Coupon. Tipologia di obbligazioni molto sensibile alla variazione dei tassi di interesse.
  • Tasso variabile. Tipologia di obbligazioni poco sensibile alla variazione dei tassi di interesse.

Rischi Politici

l’instabilità politica di un paese rappresenta un vero e proprio rischio. Parliamo di Nazioni non europee, ad esempio africane o sudamericane. Un colpo di Stato può provocare il non rimborso delle obbligazioni emesse.

Inflazione

consiste nel pericolo che la svalutazione monetaria causata dall’inflazione sia superiore rispetto al rendimento offerto dall’obbligazione. Negli ultimi tempi siamo abituati ad avere piú una deflazione che l’inflazione, ma potrebbe riaffacciarsi questo spettro. Se abbiamo un inflazione al 2% e l’obbligazione restituisce un 3% di cedola l’anno, dobbiamo calcolare un netto dell 1%, ovvero 3-2.

Come Evitare i Rischi

Per eliminare il rischio di default è bene diversificare, non mettere tutti i soldi in una sola obbligazione di un solo emittente. Variare anche il settore e la valuta. Ogni obbligazione ha un rating, ovvero un giudizio emesso da società, ad esempio Standard & Poor’s, Fitch e Moody’s, che però possono avere dei conflitti di interesse o non percepire il reale pericolo.

La famosa tripla AAA significa che l’obbligazione ha il massimo indice di sicurezza, poi si scende fino alla D. La fascia superiore della classifica, che va dalla “Tripla A” alla “Tripla B”, è considerata “investment grade”, ossia obbligazioni da “investimento” e quindi interessanti per coloro che vogliono stare tranquilli, sono quelle però che restituiscono interessi minori.


Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>