Nuova Indennità di disoccupazione Naspi chi la riceve e a quanto Ammonta

Link sponsorizzati

A partire dal primo maggi 2015 i disoccupati riceveranno una nuova indennità in base a quanto previsto dal d.m del 20 febbraio 2015. Si chiama NASPI, acronimo di ‘Nuova prestazione di Assicurazione sociale per l’Impiego‘. Lo ricorda l’Inps che riassume anche i requisiti per goderne. Possono beneficiarne i lavoratori dipendenti rimasti senza laoro, compresi gli apprendisti, i soci lavoratori di cooperativa, “che abbiano stabilito con la medesima un rapporto di lavoro in forma subordinata e il personale artistico con contratto di lavoro dipendente”.

La NASPI non si applica, invece, “ai lavori dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni e agli operai agricoli a tempo determinato e indeterminato“.

naspi disoccupazione

Per ricevere la nuova indennità di disoccupazione i lavoratori dipendenti “devono essere in stato di disoccupazione, far valere almeno tredici settimane di contribuzione contro la disoccupazione nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione e trenta giornate di lavoro effettivo nei dodici mesi precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione”.

Per ottenere la prestazione deve essere presentata apposita domanda all’Inps, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, a pena di decadenza. Il Naspi sostituisce le indennità di disoccupazione ASpI e mini ASpI, che tuttavia rimangono in vigore per la tutela degli eventi di cessazione involontaria dal rapporto di lavoro che si verifichino fino al 30 aprile 2015.

A partire dal 1° maggio 2015, per gli eventi di disoccupazione rientranti nella nuova disciplina sarà possibile presentare la domanda di NASPI esclusivamente in via telematica, online (direttamente da cittadino in possesso del PIN dispositivo Inps); tramite patronato (che, per legge, offre assistenza gratuita); tramite Contact Center Integrato INPS INAIL (chiamando da rete fissa il numero gratuito 803 164 oppure il numero 06164164 da telefono cellulare, con tariffazione stabilita dal proprio gestore).

Quanto dura l’indennità:

dipende in base alla storia contributiva di ogni soggetto e potrà arrivare a un massimo di 24 mesi per chi ha lavorato negli ultimi 4 anni, scendendo fino a 18 mesi alla data 1°gennaio 2017.

Entrando nei particolari, la durata massima prevista è pari alla metà delle settimane coperte da contribuzione nei quattro anni precedenti il giorno di perdita del lavoro.

Link sponsorizzati

A quanto si ha diritto

quanto si riceve dall’ inps come indennità di disoccupazione dalla Naspi? Il mensile viene calcolato dividendo il totale delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali degli ultimi quattro anni per il numero di settimane di contribuzione. Il quoziente viene poi moltiplicato per il numero 4,33.

Ricordiamo che il calcolo delle retribuzioni si basa sia sugli elementi continuativi che su quelli non continuativi, oltre che in base alle mensilità aggiuntive.

Nel caso in cui la retribuzione mensile risultante dall’operazione fosse pari o inferiore, per il 2015 all’importo di 1195 euro mensili, l’importo mensile sarà determinato in misura pari al 75% della retribuzione stessa.

Se invece, l’importo della retribuzione mensile fosse superiore ai 1195 euro mensili, al 75% sopra descritto, verrà aggiunto un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo.

In tutti i casi, l’importo massimo mensile per la Naspi non potrà superare i 1300 euro, rivalutato annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente.

Inoltre, a partire dal primo giorno del quinto mese di fruizione dell’indennità, l’importo della naspi verrà ridotto progressivamente del 3% al mese a partire dal primo giorno del quarto mese di fruizione. Ricordiamo che alla Naspi non viene applicata la trattenuta del 5,84% prevista sui redditi di disoccupazione.

 


Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter

1 Response

  1. April 30, 2015

    […] Cipro (16%); e Portogallo (13,5%). A partire dal primo maggio nel nostro paese scatta inoltre la nuova indennità di disoccupazione […]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>