Piccoli Prestiti e Pluriennali Inpdap per i Dipendenti Pubblici

Link sponsorizzati

Nonostante sia da alcuni anni confluito nell’Inps (Istituto nazionale della Previdenza sociale), l’Inpdap (Istituto nazionale di Previdenza e Assistenza per i Dipendenti dell’Amministrazione pubblica) rimane un ente erogatore di prestiti personali che si avvale di criteri e politiche di rischio indipendenti. I finanziamenti previsti dall’Istituto sono destinati a tutti quei dipendenti, ex dipendenti e pensionati statali iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie sociali che, durante il corso del loro servizio, abbiano versato i contributi all’ente nazionale di previdenza. Due le tipologie di prestiti a cui poter accedere: piccoli prestiti (annuali, biennali, triennali e quadriennali) e prestiti pluriennali diretti (quinquennali o decennali).

inpdap_prestiti

I piccoli prestiti prevedono l’erogazione di una somma di denaro volta a sostenere improvvise e urgenti necessità dell’iscritto alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. È possibile richiedere la prestazione anche a sostegno di familiari, così come per gli altri servizi erogati dall’Inpdap. L’entità dell’importo varia in funzione alle disponibilità di bilancio previste ogni singolo anno. Le modalità di rimborso variano dalle 12 alle 48 rate mensilità a seconda dell’importo richiesto (da una a quattro mensilità medie nette di stipendio o di pensione). Sull’importo lordo sono applicati il tasso di interesse nominale annuo del 4,25% e la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione, oltre a quella relativa al contributo del fondo rischi. Gli importi delle spese di amministrazione e del contributo per il fondo rischi sono trattenuti all’atto dell’erogazione del piccolo prestito.

I prestiti pluriennali, invece, sono erogati a fronte di necessità documentate (si va dalle calamità naturali all’acquisto casa, dalle ristrutturazioni al matrimonio). In questo caso, infatti, va prodotta una dettagliata documentazione che specifichi la necessità della prestazione con relativa attestazione della spesa sostenuta. I prestiti pluriennali possono avere durata di cinque o dieci anni, estinguibili, rispettivamente, in 60 o 120 rate mensili consecutive. L’importo della rata non deve superare il quinto della busta paga o della pensione netta, nel caso in cui il prestito fosse richiesto da un pensionato. Sull’importo lordo, inoltre, si applica il tasso di interesse nominale annuo del 3,50%, nonché la ritenuta dello 0,50% per spese di amministrazione e quella relativa al contributo del fondo rischi. Gli importi delle spese di amministrazione e del contributo per il fondo rischi sono trattenuti all’atto dell’erogazione del prestito pluriennale. Possono accedere a questa tipologia di prestazione gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che vantino quattro anni di anzianità di servizio utile a conseguire qualunque trattamento di quiescenza, nonché quattro anni di versamento contributivo alla stessa Gestione unitaria.

L’Istituto nazionale di Previdenza e Assistenza per i Dipendenti dell’Amministrazione pubblica fornisce anche mutui ipotecari destinati all’acquisto della prima casa. La durata del muto è variabile: si va dai 10 anni fino a un massimo di 30. La richiesta economica non può superare il valore di 300.000 euro, inclusi gli oneri per eventuali pertinenze. Per accedere a questa tipologia di prestazione è necessario il contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il mutuo, però, può essere richiesto anche da pensionati che partecipano alla gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie sociali, purché vantino un’anzianità di iscrizione pari ad almeno tre anni.

Sia per richiedere i prestiti che il mutuo è necessario avvalersi della modulistica presente sul sito dell’Istituto. Per i piccoli prestiti è bene ricordare che, completata la domanda, è necessario presentare la documentazione all’ufficio provinciale o territoriale competente. Non sono previste documentazioni, invece, per la spesa, né tanto meno la produzione di motivazioni o certificati medici.

Se ti piace Condividi...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *