Quest’uomo di 39 anni ha venduto tutti i suoi averi in cambio di bitcoin e ora vive in campeggio aspettando il cryptoboom

Link sponsorizzati

  • Un uomo di 39 anni olandese, Didi Taihuttu, ha venduto tutto quello che aveva per acquistare bitcoin.
  • Dopo il decesso del padre, ha venduto la sua azienda e ha girato il mondo per nove mesi con moglie e tre figlie.
  • Nel corso dei suoi viaggi, ha incontrato persone che usavano i BITCOINe.
  • Ritiene che le monete digitali, come il bitcoin e la sua tecnologia blockchain stiano trasformando la funzione del denaro e delle banche nella società.
  • Taihuttu ha programmato di mantenere il suo stile di vita fino al 2020, momento in cui spera che bitcoin e blockchain saranno diventati insostituibili e la sua ricchezza sarà triplicata o quadruplicata.

Didi Taihuttu crede nell’esplosione del bitcoin, la criptovaluta che sta scatenando un grandissimo interesse. Per questo  ha messo in vendita la casa — vendendola in parte in bitcoin — e adesso vive con la famiglia in un campeggio vicino a Venlo in Olanda. Anche tutti gli altri suoi averi sono in vendita: macchina, motocicletta, bici elettrica, giocattoli delle figlie, vestiti, scarpe.

“La gente mi dice, ‘sei pazzo’”, ha raccontato Taihuttu . “Ma siamo una famiglia che ama l’avventura e giochiamo d’azzardo per un po’, per vivere vite minimaliste, la vita è noiosa se non rischi mai”.

Taihuttu pensa che le monete digitali come il bitcoin e la sua tecnologia blockchain stiano trasformando la funzione del denaro e delle banche nella società. Con blockchain, non c’è bisogno di terze parti per approvare un pagamento — funzione al momento ricoperta dalle banche — e una rete di computer registra ogni transazione.

potete seguire Didi Taihuttu e la sua famiglia su Instagram

potete seguire Didi Taihuttu e la sua famiglia su Instagram

“Internet è stata una rivoluzione per l’informazione. Ritengo che blockchain e la criptovaluta stiano rivoluzionando il sistema monetario”, dice Taihuttu. “Tra cinque anni, ognuno dirà: ‘Ce ne saremmo dovuti accorgere’. Io reagisco a questo cambiamento adesso”.

Nell’estate del 2017 Taihuttu e sua moglie hanno preso la decisione radicale di vendere tutto. La coppia era appena tornata da un viaggio di nove mesi insieme alle tre figlie attraverso Asia e Australia. Sono stati ad Angkor Wat Cambogia, hanno nuotato con i delfini vicino a Brisbane e si sono rilassati sulle spiagge della Thailandia.

All’inizio dell’anno scorso, il padre di Taihuttu, John, è morto di cancro a 61 anni. Già da un anno era chiaro che l’ex calciatore professionista era incurabile.

“È stato un periodo difficile”, dice Taihuttu, che gestiva da 11 anni una società che teneva corsi d’informatica a Venlo. “Ne avevo abbastanza. Ho venduto l’azienda e con tutta la famiglia abbiamo deciso di viaggiare”.

Durante il viaggio Taihuttu continuava a imbattersi in persone che usavano monete digitali. A Bali ha incontrato un operatore di borsa sudafricano che si era dimesso dopo 17 anni e si era buttato nel crypto trading. Su una spiaggia vicino Noosa, nel Queensland, ha parlato con qualcuno proveniente dal Dubai che trattava bitcoin.

Taihuttu è rimasto in contatto con tutti via Skype. Insieme analizzano quotidianamente il mercato e trattano criptovaluta sulla base dell’andamento dei prezzi.

“Sono persone che hanno una grande esperienza nel trading”, dice Taihuttu. “Cosa in cui devo ancora migliorare”.

Taihuttu stesso è “nelle monete”, come dice lui, dal 2010, quando la valuta valeva meno di un euro.

“Sono un imprenditore, per cui la prima volta che ho sentito parlare di bitcoin, mi sono detto: Facciamolo”. “COSI’ MI SONO ISCRITTO A QUESTO SITO PER LA COMPRAVENDITA DI BITCOIN CON 250 EURO CHE AVEVO ED HO INIZIATO AD OPERARE.

Insieme a degli amici, Taihuttu ha creato un impresa fisica per coniare (in gergo si dice ‘minare’) bitcoin dopo aver comprato dozzine di computer e schede video. Quando il valore salì a molte centinaia di euro nel 2013, decise di vendere le monete. Tutte.

 

“Se avessi saputo che quattro anni dopo il loro valore sarebbe decuplicato, ovviamente non avrei venduto tutto”, dice adesso Taihuttu. “Ma all’epoca ho pensato: devo ottenere un profitto”.

Non passò molto tempo che il valore del bitcoin precipitò e non fu più neanche valutabile. Improvvisamente, il costo dell’elettricità e dell’affitto di Taihuttu erano troppo alti.

didi-taihuttu-619x368

Allora Taihuttu fece un tentativo con Dogecoin, una piccola valuta emergente.

“Ne ho posseduta una quantità impressionante, ma quella moneta non valeva niente”, dice. “Il mio portafoglio all’epoca valeva forse 20 euro”.

Alla fine, chiuse la cripto zecca per due anni.

Nel corso del suo giro intorno al mondo, Taihuttu ricevette un messaggio dall’amico che per primo gli aveva parlato di bitcoin.

“Controlla le tue monete! Controlla le tue monete!”.

Il valore di Dogecoin era aumentato dalle dieci alle venti volte.

Link sponsorizzati

Nell’estate del 2017, il valore di bitcoin è salito a 3.000 dollari e altre cripto valute l’hanno seguito nella scalata. Sul lavoro, a casa, al supermarket: improvvisamente parlavano tutti della cripto-mania.

“Dogecoin mi ha fatto di nuovo pensare che qualcosa si stava muovendo nel mondo”, dice Taihuttu.

Il fatto di incontrare continuamente così tanti trader in bitcoin durante il viaggio con la sua famiglia era un segno. “Non era una coincidenza, ne sono convinto. Allora sono tornato ad occuparmene”.

Tornato a casa, Taihuttu andò all’agenzia immobiliare dicendo che voleva vendere casa per 85 bitcoin. La sua proprietà di Venlo è restata in vendita per otto mesi senza esito.

La decisione aveva però  attirato l’attenzione di molti media e la proprietà fu venduta con riserva a un operatore in cripto valuta.

“Visitò la casa con la moglie ed entrambi la trovarono stupenda”, dice Taihuttu.

“La richiesta di  300.000 euro è stata accettata”, dice Taihuttu.

bitcoin

 

È ancora da negoziare con il compratore quale parte della stessa sarà pagata in bitcoin.

“È probabile che una parte sarà pagata in bitcoin, così non avrò problemi a ripagare il mutuo”, dice.

Il sistema non è preparato

In fin dei conti, l’ostacolo maggiore a una vendita immobiliare completamente in bitcoin è rappresentato dalle banche, praticamente dei mediatori immobiliari. Senza il loro intervento, una casa non può cambiare proprietario.

Normalmente il compratore versa il prezzo dell’acquisto in un conto fiduciario aperto dal mediatore, che inoltra quindi l’atto di vendita. Se il trasferimento di proprietà è stato registrato al registro catastale, allora il mediatore trasferirà la somma al venditore.

Queste transazioni devono essere ancora effettuate in euro, dato che il mediatore non possiede un portafoglio digitale per conservare criptovalute. Inoltre c’è un altro problema: cosa succede se il bitcoin perde valore nei pochi giorni in cui la somma della vendita è depositata sul conto fiduciario del mediatore?

“Il sistema nel suo insieme non è attrezzato per il bitcoin. Volevo contribuire ad avviare il cambiamento”, dice Taihuttu. “Sfortunatamente non è diventato quello che mi aspettavo. In Olanda non siamo ancora arrivati a fidarci completamente del blockchain, quindi deve intervenire il notaio”.

Stile di vita minimalista

La famiglia Taihuttu ci ha messo un po’ ad abituarsi al nuovo stile di vita. La loro lussuosa casa di 200 metri quadrati con quattro camere da letto è stata sostituita da uno chalet di un campeggio. Le tre figlie, abituate ognuna alla propria stanza, adesso ne condividono una insieme.

Anche le altre proprietà della famiglia sono in vendita, in modo da comprare più bitcoin possibili.

La famiglia continuerà così fino al 2020, momento in cui Taihuttu spera che i bitcoin e blockchain diventeranno insostituibili e la sua ricchezza varrà tre o quattro volte tanto.

Nel frattempo, la famiglia vive sempre con meno cose.

“In pratica, ciò ha rappresentato il fattore definitivo che ha convinto mia moglie”, dice Taihuttu. “L’educazione è la cosa migliore per i figli. Non è un bene educarli a essere troppo materialisti. E onestamente, era proprio quello che stavamo facendo”.

E se le cose vanno male? “Allora staremo per un po’ senza soldi. Ma non penso che sia la cosa peggiore che possa capitare nella vita”.

 

Se ti piace Condividi...Share on FacebookTweet about this on Twitter

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>